Perchè è importante avere la musica dal vivo durante la prima parte del ricevimento…

Perchè è importante avere la musica dal vivo durante la prima parte del ricevimento…

La prima portata del banchetto nuziale, ovvero l’aperitivo-antipasto normalmente viene servita all’aperto con dei grandi buffet, molto scenografici in posti con molto verde e all’esterno della sala ricevimento.

Ora vedremo come la musica copre un ruolo centrale in questa fase del ricevimento, e come  la presenza dei musicisti renda questa fase così delicata per la riuscita dell’intero evento.

musica dal vivo per aperitivo e antipasto

 

Da parte dei ristoratori la tendenza negli anni è stata quella di sostituire la portata dell’antipasto, da servizio al tavolo a servizio a buffet in piedi, così la gente si sente più libera di muoversi e godersi di più anche gli spazi all’aperto che una location da ricevimento offre.

La gente durante l’aperitivo è molto predisposta all’ascolto e veramente vuole rilassarsi, fare conversazione e fare conoscenze perché teniamo presente che quel giorno due famiglie si incontreranno per la prima volta e il banchetto servirà proprio a questo.

Quindi voglio dire che se devi creare questo tipo di atmosfera durante questa prima parte, la soluzione più accattivante è la musica dal vivo con una band di 5/6 elementi, per due motivi…

Il primo, perché un gruppo completo ha un forte impatto scenografico, attira l’attenzione ed è piacevole da guardare ed ammirare.

I musicisti che in questo momento diventano veri e propri protagonisti specie se gli sposi non sono ancora arrivati, hanno il compito di iniziare il ricevimento “rompendo il ghiaccio”, cosicché gli ospiti che sono appena arrivati si sentano accolti e subito coinvolti nella festa.

Il secondo motivo, invece, è strettamente legato al suono che una band dal vivo può produrre, molto più completa e profonda a fronte di soluzioni musicali più acustiche come può essere un trio o un duo, che sono più indicati per altri momenti più intimi e raccolti.

La presenza di strumenti musicali come la batteria, il contrabbasso e di strumenti a fiato come sax e tromba, creano quell’atmosfera da “spettacolo” che nel contesto di cui stiamo parlando, e cioè della prima parte del ricevimento, risulta maggiormente efficace per il risultato che noi vogliamo ottenere.

Il mio intento infatti è dimostrare che la scelta musicale influisce sul risultato di tutta l’organizzazione del matrimonio esaltando tutti quegli aspetti che già sono presenti all’interno di un evento come il matrimonio, come può essere una splendida location, un catering eccezionale, degli addobbi floreali incantevoli e degli sposi bellissimi…

Come vedi questo scenario merita la giusta melodia, come in un film dove è la colonna sonora che rende il film indimenticabile, allo stesso modo per noi durante questa fase del banchetto il gruppo di musica dal vivo non deve mancare. Non può mancare!

A volte si viene consigliati anche per soluzioni diverse, come può essere un quartetto di musica classica, oppure di un duo piano/voce, oppure un duo chitarra/voce, in generale soluzioni di formazioni più piccole…

Non sto dicendo che sia sbagliato…

Alla fine è una questione di budget, meno persone lavorano meno spese!

Sto affermando invece che se si può scegliere per un gruppo completo, e si ha il budget per affrontare la spesa, per questa fase del matrimonio è la scelta più indovinata.

Quanto dura un Aperitivo/Antipasto ad un ricevimento?

Se consideriamo l’inizio da quando arrivano i primi ospiti presso la location, a quando tutti si accomodano nella sala stiamo parlando di circa due ore, e a volte anche di più.

Come vedi il lasso di tempo è molto lungo e quindi ci sarà tutto il tempo di godere al meglio della musica che i bravi musicisti eseguiranno e proporranno.

La domanda che mi viene fatta solitamente a questo punto è: ma quale è il tipo di musica che ci vuole mentre siamo all’antipasto e all’aperto?

In verità non c’è un genere ben preciso, vanno bene tutti, però se devo dare un consiglio, mi sento di dire che in tanti matrimoni che ho suonato, in diverse formazioni, sono giunto alla conclusione che il genere musicale più efficace è lo swing/jazz.

Perché questo modo di suonare, da la possibilità di riproporre anche brani tratti da altri repertori come può essere la musica pop, il napoletano classico, oppure il latin e “rivisitarli” con questo tipo di linguaggio musicale.

Volendo semplificare suonare Swingando, significa avere un modo di suonare che ha una ritmica e un tipo di espressione cadenzata che si può applicare a qualsiasi brano dando un “interpretazione” completamente nuova di volta in volta.

Che ne pensi di quest’articolo?

Se ti va, lasciami un commento qui sotto….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *